Set 022000
 

Da un po’ di tempo mi frullano in testa un paio di questioni che mi piacerebbe chiarire.

Molte volte Antonio ci ha ricordato i cardini del suo approccio e della sua visione delle cose.

Mi piacciono moltissimo le cose che dice in generale sulla comunicazione, sulla necessita’ della crescita personale, sull’attenzione agli aspetti top-down contrapposti a quelli bottom-up, ma, ci sono alcune cose che continuo a non condividere o forse piu’ semplicemente a non comprendere (?).

Per esempio una di queste riguarda il rapporto tra popolo-individuo e approccio top-down e bottom-up. Ogni volta che noi discutiamo di proposte per il cambiamento del sistema istituzionale, Antonio ci ricorda che questo e’ un approccio top-down e che a lui non interessa (o relativamente) e che invece interessa il livello bottom-Up. Antonio piu’ o meno dice: quando il popolo chiedera’il cambiamento (aspetto bottom-up) solo allora avremo il cambiamento. Posso essere d’accordo che il cambiamento lo avremo quando la maggioranza ne avra’ maturato la necessita’ e lo richiedera’.

Ma cos’e’ il popolo se non un insieme di individui? E come tale io, noi, non siamo membri del popolo? Insomma in quanto membro del popolo io mi sento il diritto di chiedere tutti i cambiamenti che desidero e considerare questa operazione bottom-up ne’ piu’ ne’ meno come Antonio considerebbe una analoga richiesta fatta da qualsiasi individuo appartenente al popolo. Se non e’ cosi’, vorrei capire perche’ no. Ammesso anche che la maggioranza del popolo richiedesse i cambiamenti DD che desidera, in che modo dovrebbe richiederli? Insomma Antonio dice che se io propongo di raccogliere firme, o fare una petizione, o uno sciopero, o altre tipiche forme di lotta politica democratica in favore di un sistema DD queste sarebbero iniziative top-down.

Antonio dice che, per non peccare di top-downismo e’ invece il popolo che deve fare queste richieste. Bene (fermo restando che, come dicevo mi sento un membro del popolo con tutto il diritto di fare anch’io tutte le richieste che mi piace) come diavolo dovrebbe esprimere queste richieste il popolo (o meglio i singoli individui che compongono il popolo) senza peccare di top-downinsmo esso stesso?

Insomma io ho capito (spero) che “nella comunicazione” chiunque puo’assumere una posizione top (dare risposte a chi te le chiede o fare proposte) o down (fai domande o richiedi qualcosa). Ma penso che le proposte politiche, pur collocandosi dal punto di vista della comunicazione forse sempre top-down, non sono tutte top-down allo stesso modo. Insomma mi sento insoddisfatto a caratterizzare allo stesso modo le proposte di chi mira a sottrarre potere ai cittadini e di chi mira a dare loro (noi) la possibilita’ di riprenderselo. Non mi convince l’idea che proporre un colpo di stato (magari violento) sia come proporre un cambiamento costituzionale democratico per via elettiva, sia pure solo da un punto di vista teorico astratto. Ci deve essere qualcosa altro di caratteristico e di importante, pure da un punto di vista astratto e teorico, che distingue le due proposte.

Cosi’ anch’io ho fatto un disegnino. Devo pensarci un po’ meglio, ma intanto ve lo mando cosi’ con le riflessioni un po’ buttate li’, perche’domani parto e non posso portarmi appresso il pc. Qua top-down e bottom-up non sono piu’ due versi opposti su un unico asse, ma stanno su assi diversi. Uno e’ l’asse delle istituzioni che va dal cittadino (bottom) alla collettivita’ o se volete alle istituzioni collettive di governo (parlamento, incaricati vari ecc.). L’altro e’ l’asse della comunicazione, la’ dove dovrebbe essere collocata la dimensione domanda(down) -offerta(top).

Cosi’ il vettore AB corrisponderebbe ad una proposta democratica (in questo caso le proposte DD di un movimento organizzato), la quale sull’asse della comunicazione ha una componente top-down, ma sull’asse delle istituzioni ha una componente bottom-up.

Il vettore CD corrisponderebbe invece alla fatidica e auspicata domanda dal basso di modifiche istituzionali dd, quelle fatte dai singoli semplici cittadini.

Il vettore opposto a questo (non indicato in figura), quello che va da Da C, rappresenterebbe una proposta RR o autoritaria, di chi ha gia’ il potere, o lo vuole solo per se’ o gruppo ristretto, la fatidica imposizione di colpo di stato. Essa ha componenti solo down-top e up-bottom.

Infine il vettore che va da B ad A rappresenterebbe un cittadino che richiede dal basso un governo autoritario. Essa ha componenti down-top nella comunicazione (e’ una richiesta, viene dal basso) e vorrebbe istituzioni coercitive Up-Bottom.

Forse si potrebbero cambiare i termini down, top, bottom e up, invertendoli, ma la sostanza del mio discorso credo sia chiara lostesso.

Quindi, per finire, io dove sto? Io credo che quando parlo come singolo cittadino sto nel vettore CD equando parlo come membro del movimento spero di stare in AB. Volendo si potrebbe continuare col morfismo vettoriale e dire che sono sempre un po’ tutte e due e che a seconda dell’intensita’ con cui sono AB o CD ne risulta un vettore differente…Occhei, basta cosi’ e saluti a tutti.

(*)Tratto da un post scritto sulla mailing list listaDD il 02/09/2000

 Posted by at 23:42

 Leave a Reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

(required)

(required)

 

Please log in to vote

You need to log in to vote. If you already had an account, you may log in here

Alternatively, if you do not have an account yet you can create one here.