Set 062014
 

Al livello politico delle nostre istituzioni (da quelle locali a quelle generali più o meno istituzionali), la vera democrazia (la democrazia diretta) è impraticabile, oggi.
Si può lottare per cercare di limitare i danni, ma non molto di più.

Però si può pensare di praticare la democrazia vera dentro una organizzazione che vuole il recupero di tutte le sovranità, e quindi la autodeterminazione, la fine della schiavitù, e quindi un giorno una vera democrazia anche per l’autogoverno delle varie comunità  di cui siamo membri.
Si può o no?
Se si può, allora  io posso fare attività “politica”.
Altrimenti preferisco fare altre cose.

Feb 232013
 

L’ottimo Byoblu, pubblica un post di Fabrizio Li Vigni di analisi critica delle critiche fatte al M5S; chi vuole se lo legga pure tutto qui.

A me colpisce soprattutto la “quarta” critica che riporto in coda integralmente perché è un bel campionario di sofismi.

Cosa dice l’autore in questa difesa critica di Grillo, che di ‘critica’ ha solo la riproposizione del termine per una dozzina di volte. Esaminiamolo bene.

L’autore fa riferimento al caso Tavolazzi e Favia introducendolo con un “SE”. “Se si riferisce al caso Tavolazzi….ecc” Poi dimentica di descrivere le altre possibilità nel caso non ci si riferisca a quel “SE”.. No, caro Fabrizio Li Vigni, non ci si riferisce al solo caso Tavolazzi & c. E dove stanno, quindi, le altre tue risposte? Non ci stanno. Su questo la analisi “critica” si riduce al SOLO caso Tavolazzi & c.
Invece, tra le altre cose:
– Ci si riferisce anche alle numerose cancellazioni in più occasioni nel tempo dei risultati delle prima sbandierate opportunità per i grillini di definire gli obbiettivi politici via web e poi invece, appunto, cancellate d’imperio da Grillo-Casaleggio. Firenze, Milano ecc. insegnano.
– Ci si riferisce al fatto che anche la regola del non presentarsi in tv, come altre, è stata definita solo da lui e quindi comunicata al volgo.
– Ci si riferisce a tutto il NON-statuto chè stato definito solo da lui, e nessuno sa come e, soprattutto, se questo statuto possa essere modificato. Anzi si sa. Solo lui può modificarlo.
– Ci si riferisce al fatto che il simbolo del Movimento appartiene solo a Grillo-Casaleggio e i membri non hanno alcun potere decisionale circa il suo uso o non uso.
-Ci si riferisce al fatto che anche nel caso dell’espulsione di Tavolazzi & c. solo lui ha deciso questo e nessuna consultazione c’è stata tra i membri del M5S.

Il massimo dello strabismo si raggiunge quando scrive che “Da che mondo è mondo, poi, la democrazia non è l’anarchia, ma è lo stabilimento (collegiale o meno) di una serie di regole.”

Ma che dici?
Allora non avrebbe alcuna importanza che TIPO di regole stabilisci??
Questo non è strabismo: è cecità.
Se la regola fosse: “art.1 Il capo ha ragione. art.2 Il capo ha sempre ragione. art.3: Nel lontano caso in cui il capo non avesse ragione entrano in vigore immediatamente l’art. 1 e l’art.2”. Ti sembra che questa sarebbe una regola democratica? QUALI REGOLE costruisci ha MOLTA importanza.
In democrazia la PRIMA regola è che la sovranità appartiene al popolo. Solo in questo caso si può parlare di democrazia e di “uno vale uno”. Ti sembra questo il caso di Grillo-Casaleggio-M5S???

Poi ammette: “Si può contestare certo che quelle regole siano state scelte da due sole persone, ma vien da dire: primo, senza un progenitore non c’è un figlio;”
Ma che graziosa metafora degna del miglior De Lapalisse. Il punto è: che tipo di genitore sei e che tipo di figlio vuoi! Un genitore che vuole un figlio democratico non lavora per costruire una specie di dittatura. Ma costruisce regole che permettano la vita della democrazia, non il suo soffocamento.
E’ vero. SE non c’è democrazia non la puoi costruire con un metodo che sia pienamente e formalmente democratico. E’ ovvio. Se inizialmente non hai democrazia devi basarti su qualcos’altro.
Ma non sarebbe stato meglio usare un metodo comunque collegiale? Anzi, inizialmente, ERA così! Poi solo il leader (illuminato?) ha deciso.
E tuttavia un leader che lavora per la democrazia diretta, non lavora per rendersi padrone unico e indispensabile, ma lavora piuttosto per rendersi inutile. E’ questo, che soprattutto mi preoccupa.

E infine scrive: “secondo, a chi non sta bene che il M5S sia stato creato da Grillo e Casaleggio, non rimane che crearsi il proprio movimento o semplicemente non partecipare a questo.”
No, caro Li Vigni. Non è quello che non sta bene.
Intanto non è vero che sia stato creato da loro. Anzi prima, Grillo ripeteva all’infinito che il movimento era stato creato dai cittadini. Con lui come riferimento, ma non da lui. All’inizio ogni meetup era creato, da singoli cittadini che, a proprio pagamento aprivano uno spazio ‘fan’ di beppe grillo. E non è che un fan club appartiene all’oggetto del fanatismo. Lui era il leader carismatico. Vero, senza di lui non ci sarebbe stato. Ma non l’ha creato lui.
Lui (con Casaleggio) ha piano piano trasformato il ruolo di leader carismatico nel ruolo di padre padrone del movimento. Poi, certo, se a uno non piaceva poteva sempre andarsene.
Questa sarebbe l’opzione democratica: o accetti i dikat o puoi sempre andartene. Fantastico. Meno male, grazie che posso.
E infatti io me ne sono andato (già nel lontano 2009). Ma, a casa mia, in un movimento dove “uno vale uno”, se c’è qualcosa che non mi piace, prima posso discuterne, proporre soluzioni diverse, votare e poi, se la maggioranza decide in maniera per me proprio inaccettabile, allora me ne vado.
Dove sta questo nel M5S??

——————–

Estratto dall’articolo in questione:

Quarta critica: il M5S è gestito da Grillo e Casaleggio e la tanto sbandierata democrazia dell’“uno vale uno” non è reale.

Se ci si riferisce al caso di Giovanni Favia e Valentino Tavolazzi, bisogna riflettere su un’ovvietà che in pochissimi hanno rilevato. Se io mi iscrivo a un movimento, un gruppo o un’associazione, diciamo Greenpeace, ne sottoscrivo lo statuto. Quest’ultimo contiene delle regole. Se non le rispetto, o vengo trovato ad appiccare fuoco alle foreste, vengo espulso. È una questione di rispetto nei confronti di coloro che restano: se mi mantenesse dentro, Greenpeace ci perderebbe in termini di credibilità vis-à-vis degli altri membri. Da che mondo è mondo, poi, la democrazia non è l’anarchia, ma è lo stabilimento (collegiale o meno) di una serie di regole. Tavolazzi e Favia volevano estendere il tetto massimo di due legislature posto da Grillo e Casaleggio (infatti Favia, giunto a due legislature, si sta ricandidando per la terza con Rivoluzione Civile). Espellerli perché non condividono questo precetto essenziale non è anti-democratico, significa evitare che il M5S si perverta e diventi qualcosa d’altro. Se i due attivisti “eretici” fossero riusciti nel loro intento, avrei votato altrimenti. secondo, a chi non sta bene che il M5S sia stato creato da Grillo e Casaleggio, non rimane che crearsi il proprio movimento o semplicemente non partecipare a questo.

Feb 212013
 

La nostra “democrazia” non so perché dovrebbe ancora chiamarsi così.
La nostra è ormai una finta democrazia. Dal 1946 in poi il sistema democratico italiano è andato progressivamente degenerando. La politica si è prima professionalizzata. Poi si è commercializzata, e personalizzata. E si è via via sempre più corrotta per via dei costi di questa commercializzazione/personalizzazione. Succhiando risorse al popolo, sia esplicite col sistema dei finanziamenti-rimborsi, sia implicite con le tangenti. Il sistema elettorale parimenti è andato riducendo gli spazi di partecipazione e rappresentanza. Prima il passaggio dal proporzionale al maggioritario, ancorché imperfetto. Poi con l’abolizione delle preferenze e i sistema delle liste bloccate. La sovranità del popolo è stata sempre più ridotta e soffocata. Sappiamo tutti che la trasformazione dei partiti da strutture di ascolto e raccordo tra cittadini e istituzioni (vi ricordate le case del popolo? Gli oratori? I circoli dopolavoristici? Le associazioni giovanili?) in pure macchine di raccolta di consenso elettorale ha stravolto l’impianto e il significato, per certi versi fragile, ma allora sensato, della Costituzione. Fragile, proprio perché ha permesso questa degenerazione, che potrebbe trovare soluzione solo con l’introduzione di strumenti di democrazia diretta.

Ma oltre all’impianto istituzionale e la modifica dei partiti, si è modificata la struttura della comunicazione nella società. L’informazione, che prima viaggiava attraverso molti canali paralleli oggi si è concentrata. Sia come proprietà, che come strumenti. I famosi mainstream. Il resto sono briciole. Solo internet teoricamente permetterebbe una fuga da quella gabbia. Ma anche internet è condizionata. Non fosse altro perché le teste che la percorrono sono comunque immerse nella struttura generale. E infatti internet raramente è propriamente “alternativo”, ma più che altro “amplificativo” di processi che avvengono ad altro livello.

In definitiva la modifica delle istituzioni, dei partiti e della comunicazione ha ristretto ulteriormente la piramide del potere che viene a determinarsi col sistema rappresentativo. L’illegalità istituzionalizzata aggiunge un altro tocco di ipocrisia alla situazione.
Oggi della sovranità del popolo è rimasto un unico brandello: il voto.

Elezioni-VotoOra, se questo voto viene determinato in condizioni di fortissima diseguaglianza comunicativa, cosa resta?

Noi che nasciamo dal basso. Che non abbiamo soldi, tv, giornali, che rifiutiamo gli apparentamenti strumentali. Che proprio perché nasciamo dal basso e rifiutiamo la logica della personalizzazione, dentro questo sistema siamo afoni, anzi proprio muti. Possiamo anche gridare, ma siamo chiusi nella gabbia di isolamento acustico del sistema. Che impone le sue regole. Che vincolano e obbligano anche chi vuole opporsi. Se vuoi esistere, anche come opposizione, devi sottometterti alle regole non scritte. Che dicono o hai mezzi, o non esisti. O hai la visibilità di un capo che tutti acclamano, o non esisti. O usi mezzi illegali anche tu, o non esisti. O pratichi la censura e zittisci gli avversari e usi qualsiasi mezzo immorale per diffondere la tua politica, o non esisti. O ti sottometti alle leggi del sistema, o niente.
Noi che rifiutiamo tutto questo, siamo un corpo estraneo. Non dobbiamo esistere. Siamo i “matti” chiusi nella stanza di contenzione del sistema. I meccanismi di censura implicita, ma anche esplicita, ci imbavagliano.

Non facciamo piangina, ma queste verità vanno dette. Noi continueremo, perchè sappiamo di essere nel giusto. Perché o il popolo si salva da sé, o non ha speranza. O si vince con metodi nuovi, o chi vince è in realtà sempre il nemico. Perché vincono i metodi del nemico.

Chi pensa che la presa del palazzo d’inverno, possa giustificare le mille incongruenze e incoerenze, perché quella è una precondizione che condurrà poi a un mondo migliore, si illude.
Sempre, nella storia, quello si è tradotto nel semplice cambiamento delle facce di chi sta ai vertici del potere.  Non in un cambiamento della struttura piramidale del potere.

I fini non giustificano i mezzi. I mezzi determinano invece la qualità del risultato finale.

O costruiamo democrazia vera da subito, o la presa del palazzo d’inverno ha un altissimo rischio che si risolva in un assorbimento e travisamento e, alla fine, strumentalizzazioni delle spinte positive.
Per questo noi vogliamo che i rappresentanti eletti da subito siano puri strumenti della sovranità popolare. Per questo noi costruiamo e pratichiamo democrazia diretta da subito. Prima di tutto al nostro interno.

Certo, è molto più difficile. Lo sappiamo benissimo. Ma la strada apparentemente più breve non conduce alla meta. Te ne allontana. Ritarda il momento in cui si percorrerà la strada giusta.

Feb 162013
 

 

Diario elettorale. 16.02.13

Eccomi qua. Come prevedibile, non ho avuto tempo, per “coltivare” il mio blog. Mi spiace, ma io non sono stipendiato per fare questo. Anche se mi sono messo in ferie (sig). Nè abbiamo forze che possono permettermi di fare solo questo. In questi giorni ho fatto le classiche cose che fa un candidato presidente, ma anche ho fatto volantinaggi, ordinato gadget, appiccicato manifesti, messo in cassetta santini, distribuito materiale, anche lavato pavimenti (della sala dell’assemblea che era rimasta sporca dalla festa di carnevale precedente con un sacco di roba appiccicosa per terra).
I miei figli sono tre giorni che non li vedo.
Questa campagna elettorale si sta consumando in tempi assurdamente brevi. E’ cominciata da 15 giorni e finirà tra una settimana!
Prima l’altalena delle date possibili, gennaio? Poi marzo, no contrordine febbraio.  il 3? no il 24 no il 10 anzi il 24. Accorpate alle politiche? No, si, forse, anzi si.
Ma ai partiti e alle formazioni dominanti non importa nulla. Loro sono in campagna elettorale permanente. Qualsiasi momento è buono. I partiti al potere se lo scelgono in base alle loro convenienze. E quando conviene su questo trovano facilmente l’accordo con le opposizioni (?).
tienTutte le regole fondamentali sono state stravolte.
Dovevano esserci almeno tre mesi di campagna si sono ridotti a uno, con in mezzo natale, capodanno, epifania.
I municipi romani hanno dato una prova di inefficienza e approssimazione difficilmente superabile. Impiegati che si rifiutavano di accettare i moduli per le sottoscrizioni, altri che ne pretendevano diverse formulazioni (dei moduli ufficiali della regione!!!) mille ostacoli pratici causati dall’ignoranza e disorganizzazione (dove, chi, come si fa???). Occasionalmente superati dalla singola buona volontà di qualche rara perla di impiegati e funzionari volenterosi nonostante il marasma.
E poi la ricerca dei necessari certificati elettorali negli uffici elettorali… firme perse per mancanza di un timbro tondo. Certificati non concessi perché il richiedente non aveva l’autorizzazione di questo o di quello, ma invece l’avevo di questo o quest’altro…Nel mentre gli stessi uffici non rispettavano le direttive di o restare aperti o dare indicazione di reperibilità dei responsabili. Anche qui impiegati sensibili che surrogavano la mancanza di chiare direttive con la buona volontà e altri invece che avrei preso a calci.
Il comune di roma si lamenta delle affissioni selvagge e tuona al rispetto delle regole quando lui ha diramato la collocazione dei pannelli per le affissioni con gravissimo ritardo e poi non ha stabilito fino a 12 giorni dalle elezioni (!!!) quali erano gli spazi destinati alle varie liste. In pratica un “fate come cazzo vi pare” istituzionalizzato.
Il prefetto dirama ordinanze, concorda protocolli contro le affisioni abusive, per il rispetto degli spazi… che valgono come carta straccia. Tutti sporcano dovunque e le plancie per le affissioni sono un campo di battaglia. Multe? …poi a campagna finita faranno un bel provvedimento cumulativo lavacoscienza con ridicole sanzioni unatantum, come hanno fatto alle scorse elezioni. In perfetta logica salvamarrani a cui lo stato ormai appartiene. Non un manifesto staccato a spese del contravventore, come direbbe la legge. La legge? Un puro strumento di arbitrio, da applicare solo contro i deboli.
Ma tutto questo sono in fondo quisquilie. I giochi si fanno sui media: tv e giornali. Abbiamo denunciato tutto il denunciabile, compresa l’agcom che non vigila.  Diciamo al garante che siamo discriminati e citiamo i dati che sono a disposizione sul suo sito! Lui rigetta, perchè ci chiede di dirgli noi i nomi delle tv, delle trasmissioni, gli orari, chi c’era e chi non c’era… Ma che lo paghiamo a fare il garante? Cosa garantisce? A quanto pare la stabilità della sua poltrona e dei suoi emolumenti. Dice che noi siamo stati invitati come gli altri alle tribune elettorali negli spazi previsti. Gli spazi previsti. Il recinto dei pochi minuti. Gli altri stanno 24 ore su 24 nei tg, nelle trasmissioni di intrattenimento, nei talk show. Solo pochissimi media (da contare sulle dita di una mano, e con diffusioni da zero virgola) ci hanno dato una visibilità appena accettabile.
Con le nostre poche forze abbiamo parlato lo stesso ad alcune migliaia di cittadini. E quando parliamo aprono gli occhi. E cresciamo. Sentiamo che la nostra è l’unica vera proposta capace di cambiare la situazione. Per questo, per i servi dei potenti, NON DOBBIAMO esistere. AUTOGOVERNO. DEMOCRAZIA DIRETTA, SOVRANITA’ MONETARIA. Riprendiamoci tutte le sovranità. Riprendiamoci la dignità. Nessuno ci può salvare. Non esistono salvatori della patria, chi si presenta così è solo un buffone che cavalca lo scontento. Dobbiamo salvarci da noi. Non ci sono altre scelte. E se il popolo si sveglia non può essere sconfitto. Noi continueremo. Sappiatelo: NON MOLLEREMO. Anche se ci sentiamo come a mani nude contro i carri armati.
 

Please log in to vote

You need to log in to vote. If you already had an account, you may log in here

Alternatively, if you do not have an account yet you can create one here.