Ott 312007
 

Massimo Fini è uno dei pochi intellettuali che scrive libri non banali e che non ricercano un facile consenso. In “Sudditi. Manifesto contro la democrazia”(1) descrive in maniera lucida i reali meccanismi di potere permessi e direi quasi stimolati dalle istituzioni a democrazia rappresentativa. Di fatto i sistemi rappresentativi conculcano la sovranità del popolo e trasformano i cittadini, appunto, in sudditi. Il suo giudizio negativo sull’ attuale finta democrazia è senza appello, e mi trova assolutamente concorde.

La sua critica è spietata, profonda e supportata da un analisi accurata che condivido quasi integralmente. Ma quando si tratta di individuare un modello capace di superare le degenerazioni praticamente onnipresenti nei paesi a “democrazia reale”(2), egli si ferma sulla soglia della soluzione. A questa soluzione egli dedica due scarne paginette, in una delle quali Fini arriva a riconoscere che la soluzione “sarebbe recuperare la democrazia diretta” [pag.113], ma sostiene che la sua applicabilità non può che essere relativa ad ambiti limitati e ristretti.
Io credo che l’argomento “democrazia diretta”, avrebbe meritato maggiore approfondimento, e spero che in qualche suo prossimo libro egli ripari a questa eccessiva sintesi al limite della superficialità .

Analogamente il manifesto di “Movimento zero” che si ispira alle idee di Fini, al nono punto recita “Sì alla democrazia diretta in ambiti limitati e controllabili”.

Ma perchè mai la dd dovebbe essere applicabile solo in ambiti “limitati e controllabili (o ristretti)”?
Nelle due paginette di cui sopra Fini, giustamente, sostiene che “democrazia non significa solo decidere tutti insieme”. E qui sono completamente d’accordo. E significa anche “avere consapevolezza di ciò che si decide” e anche qui siamo d’accordo, anche se farei qualche riflessione (che qui vi risparmio) su cosa voglia dire “essere consapevole”. E significa anche “[avere] conoscenza sulla materia su cui si decide”. E qui dissento. Non perché questa affermazione sia falsa in sé, ma perché rischia di diventarlo se con quella affermazione estensivamente si intende dire che solo se sei un competente della materia allora puoi decidere. Questa indebita estensione mi sembra sia in atto quando da quella affermazione si arriva alla conclusione che la dd può essere applicata solo in ambiti ristretti. E infatti Fini esemplifica scrivendo “conoscenza sulla materia su cui si decide, come le aveva il contadino della comunità di villaggio grazie all’ambito ristretto su cui si muoveva”[pag.114], come se cioè il problema fosse proprio quello di avere competenza diretta o specifica sull’argomento.

Le ragioni del mio deciso dissenso sono di ordine specifico ma anche di ordine generale (relative cioè a quello che si intende per democrazia “diretta”).

Cominciamo con le ragioni specifiche.

1) Una cosa è essere competente su un argomento, un altra è essere in grado di esprimere un giudizio.
Questo problema era già noto ai tempi di Atene. Vari studiosi, per esempio Finley(2), sottolineano come gli ateniesi riconoscessero la maggiore competenza tecnico/politica, ma nello stesso tempo riconoscevano che ogni uomo (cittadino) possedesse la “politike’ techne”, l’arte del giudizio politico.
In altre parole: io posso non sapere nulla di un argomento, ma posso ascoltare, informarmi, e farmi un giudizio sulla base di queste informazioni.
Non c’e’ dubbio che una maggiore conoscenza favorisca una migliore capacità di giudizio. Ma la relazione tra conoscenza o competenza tecnico/culturale (e pure anche politica) e la capacità di giudizio, in specie politico, non è in senso logico, per non dire in senso psico-logico, né necessaria né sufficiente.

2) Una cosa è essere competente un altra è avere comunque il diritto di decidere.
Io non so nulla di medicina e chirurgia, ma il diritto di decidere se farmi una operazione o no, è mio. Perchè mio è il corpo che deve subirla. Così i cittadini possono essere diversamente compententi su una data porzione di res publica, ma tutti ugualmente saranno sottoposti alla decisione che riguarda quella porzione di res publica.
Anche qui gli ateniesi ancora qualcosa ci insegnano. L’assemblea non sopportava gli interventi o le proposte degli stolti (il diritto di parola non era riconosciuto esattamente a tutti), ma nessuno mai avrebbe cancellato il diritto dello stolto a decidere su ciò che come gli altri avrebbe dovuto sopportare.

3) Il problema della conoscenza della materia come requisito per la competenza a decidere non viene superato restringendo l’ambito.
Il restringere l’ampiezza della comunità non supera il problema di avere singoli cittadini diversamente competenti sugli argomenti oggetto di decisione. Anche in una comunità ristretta (come il villaggio evocato da Fini) le competenze sarebbero certamente diverse e di diverso livello di profondità. Chi sa molto di coltivazioni agricole, probabilmente sa molto poco di carpenteria. E viceversa. E in un ambito ristretto più “moderno” come la città o il quartiere, chi conosce bene un aspetto della materia (per esempio il proprio territorio) potrebbe non sapere nulla di altri aspetti sulla stessa materia (per esempio di urbanistica e/o di circolazione stradale).

Non sto, ovviamente sostenendo che la restrizione dell’ambito o più in generale il decentramento, non sia utile. Tutt’altro. Anzi il decentramento, o l’autonomia locale o, ancora meglio, la concezione federalista, sono un “must” per un democratico diretto. Non solo per una ragione di efficienza della democrazia ma proprio perchè ciò che è res publica in un ambito ristretto può non essere res publica per l’ambito che lo contiene. E quindi non di competenza di tutti cittadini di quell’ambito più inclusivo. Se nel mio quartiere dobbiamo costruire una casa popolare o un parco, in prima istanza riguarda i cittadini del mio quartiere e non i cittadini di kuala lampur. La distinzione di ciò che è di ambito locale e ciò che non lo è, non è sempre semplice e tuttavia esiste. E qualsiasi implementazione della democrazia diretta deve renderne conto.

4) Infine si sottovaluta l’effetto educativo della pratica della democrazia (diretta) stessa sulla crescita di competenza (e di motivazione) non solo politica dei cittadini.
In effetti con questo quarto punto mi avvicino alle ragioni di ordine generale. Perché questo ha a che fare con la visione della democrazia diretta non come uno “stato del sistema” da raggiungere una volta per tutte, ma piuttosto come un processo che va innescato ed alimentato. Di questo processo, di questa dinamica, sono parte integrante i processi di apprendimento.

Ancora una volta mi aiuta Finley(2) che scrive a proposito dell’epoca di Pericle:”Un giovane imparava la propria educazione partecipando all’Assemblea; probabilmente non imparava quali erano le dimensioni della Sicilia (….) ma veniva a conoscenza dei problemi politici di Atene, delle scelte, delle argomentazioni, e man mano apprendeva a valutare gli uomini che si facevano avanti per fare politica…” E Stuart Mill:” Nonostante i difetti del sistema sociale e delle idee morali dell’antichita’, la partecipazione al dicastero e alla ecclesia elevarono il livello intellettuale del cittadino ateniese medio molto al di sopra di quello che sia mai stato ottenuto finora con altre masse di uomini…”

E veniamo alle ragioni di ordine generale.

Ho l’impressione che questa condizione restrittiva per l’applicabilità della democrazia diretta sia figlia di una concezione della dd essa sì riduttiva (o per lo meno sbrigativa) , e di una insufficiente considerazione di alcuni aspetti della azione di governo in generale e quindi delle possibili implementazioni democratiche dirette di quegli aspetti.

1) In primo luogo sembra che la concezione di dd che Fini sostenga sia vittima di quello che in fondo è uno stereotipo: la democrazia diretta sarebbe quella praticata nell’antica Atene la quale a sua volta sarebbe quella dove i cittadini partecipano direttamente e decidono direttamente senza intemediari di alcun tipo.

Il concetto di diretto non va, e non può essere, inteso come “senza alcuna mediazione tra la mia volontà e l’espressione efficiente della stessa”.
Ma piuttosto in senso cibernetico, di “relazione certa tra espressione della volontà e valore atteso della azione partecipativa”. Con la capacità, quindi, di rimodulare l’espressione per ottenere il risultato voluto.

A rigore, infatti, non esisterebbe niente di diretto nel primo senso. Tra volontà ed espressione della stessa sempre esiste un “mediatore” fosse anche semplicemente il mio sistema muscolare che fa alzare la mano per votare si o no.
Non importa se sul pezzo di carta scrivo io con le mie manine sante il mio voto. Quello che importa è che il voto scritto (da me o da mio zio o attraverso altri sistemi-delegati, sia esattamente quello che volevo).

La nozione di democrazia diretta aderente al suo significato ultimo, quindi, contempla la delega. (4) (e per la verità anche quella ateniese la contemplava: per i compiti esecutivi – quasi sempre inevitabile- per i compiti giudiziari, e altre funzioni). Di più. La delega, anzi, per i democratici diretti è un DIRITTO. Ciò che conta è che il cittadino, che la esercita, non perda MAI il controllo su di essa e sulla porzione di sovranità di cui è portatrice e quindi essa deve essere espressa in forma sempre revocabile.

2) In secondo luogo vorrei indicare che esistono due dimensioni cruciali della partecipazione: la dimensione intensiva e la dimensione estensiva. Brevemente per estensione della partecipazione intendo il numero di cittadini che possono partecipare, per intensione intendo la quantità (varietà) di decisioni cui si può partecipare. La possibilità di partecipare è condizionata da una serie di fattori tecnici connessi agli strumenti che si utilizzano per trasmettere e ricevere i contenuti della partecipazione. Senza entrare nel merito in questa sede, mi limito a dire che il fattore “velocità” della comunicazione partecipativa (per esempio la velocità con cui si possono svolgere le operazioni di voto) è naturalmente correlato all’estensione e all’intensione della partecipazione. La cosa interessante (poco meno che ovvia ma è importante rilevarla) è che se si può rallentare la velocità di una decisione, paradossalmente, si può pensare di estendere la partecipazione molto di più (perchè non tutti possiedono gli strumenti più veloci o sanno usarli, o possono avere il tempo di usarli tutte le volte che serve).

Consideriamo che su alcune decisioni non è appunto necessario decidere in poco tempo. Si pensi per esempio a leggi che stabiliscano i livelli di emissione di CO2. Si potrebbe anche pensare di fare un referendum mondiale, dove nell’arco di sei mesi, anche quelli che possono votare solo usando la corteccia degli alberi possano farlo. Cioè riduci la velocità richiesta alla partecipazione e aumenti l’estensione della partecipazione. Ovviamente il campo di cose su cui si può decidere (“l’intensione”) si riduce riducendo la velocità.

In definitiva alla luce delle 4+2 considerazioni di cui sopra mi sento di poter affermare che considerare la democrazia diretta applicabile solo in un ambito limitato e controllato è inutilmente restrittivo e priva i cittadini, se non l’umanità, dell’unica soluzione praticabile per la realizzazione di un governo responsabile delle nostre società complesse e degli enormi problemi che abbiamo davanti. Di fatto lascia campo libero alla prosecuzione dell’esistente o di altre analoghe (o peggiori) forme di oligarchia se non anche a orribili idee neo platoniche di governo degli illuminati.

Roma, ottobre 2007.

(1) Massimo Fini, “Sudditi. Manifesto contro la Democrazia”, Marsilio Editori, 2004.
(2) Moses I. Finley, “La democrazia degli antichi e dei moderni, Laterza, 1982.
(3) Dove “reale” va inteso nella stessa accezione con cui si sono indicati i sistemi a socialismo “reale”. Con quell’aggettivo si denunciava lo iato tra i sistemi socialisti ipotizzati dalle teorie socialiste e quello a cui nella realtà conducevano gli sviluppi delle varie rivoluzioni o trasformazioni cui quelle teorie si ispiravano. Mentre secondo quelle teorie i sistemi socialisti avrebbero dovuto portare uguaglianza, giustizia sociale, libertà nel “reale”, essi realizzavano veri e propri sistemi totalitari dove l’ingiustizia, la sopraffazione, la diseguaglianza regnavano sovrane. Si può poi discutere quanto le implementazioni del socialismo dei paesi a “socialismo reale” fossero degenerazioni della teoria e quanto conseguenze inevitabili delle teorie stesse in sè contenenti i geni del totalitarismo.
(4) Si veda su questo: Delega e dd. Cosa significa l’aggettivo “diretta”?.

 Posted by at 00:43
Ott 032007
 

Eccomi qua.
Non riesco a star dietro a questo blog in maniera decente. Ma non importa. L’impegno poitico che la situazione generale richiede è stato quasi totale.
Ma sono felice. E preoccupato.

La “bomba” Grillo è scoppiata.
Ora alcune sue scelte saranno determinanti. E sto un pò in ansia.

Quando nel settembre 2005, dopo qualche mese da guardone, mi sono iscritto al meetup di roma, volevo rendere chiaro che la democrazia diretta era qualcosa di diverso da quello cui grillo si riferiva (era l’epoca del “Fazio Vattene!”). Pensavo sarei uscito dopo poco. Invece mi sono coinvolto. Ho trovato altri che erano arrivati lì attratti come farfalline attorno a una fioca luce intravista da lontano. Qualcuno aveva capito già per conto suo. A qualcun altro è bastato poco.
E mille domande e dubbi e diffidenze, verso chi veniva lì a “pontificare” sulla dd. Qualcuno mi ha detto che ero troppo “pronto”. Come avessi risposte per tutto. Era quasi vero. Ma non erano risposte solo mie.
La “talpa” dd scavava da anni. Quatto gatti che pomposamente si dicevano essere parte del movimento mondiale democratico diretto. Movimento mondiale… per anni al più una ventina di persone. Cosi’ matte da ritrovarsi occasionalmente a Praga, a Monaco, ad Atene… Trovarsi sull’agora e quasi sentire il popolo che esercita la politiké tecné. Matti. O visionari. Comunque sì. Io e quelli come me sentivamo di avere le risposte. Mancavano le domande. Ora ci sono anche quelle. Ma ancora la consapevolezza non è di molti. Molti ancora hanno bisogno del conforto di qualcuno in cui credono. Che rassicuri. Che stimoli. Che dia l’idea che si può vincere. E aspettano che il grillo canti.
La dd, ancora una volta, non è questo. Ma lui può spingere verso o può spegnere o stravolgere.

Chi è Grillo? Io l’ho criticato senza ipocrisia. Alcuni si spingono a dire che è venduto, pagato, servo di questo o di quelli. Io ho sempre cercato di mantenere il mio giudizio sul livello politico e senza aderire al complottismo. Anche se molte persone che stimo, anzi alcune le amo proprio, sono “complottiste”. Del resto anche molte persone sincere e intelligenti sono “giustificazioniste”. Qualcuna proprio vittima del fascino e della necessità di credere, convinta della necessità inevitabile del “capo”. Lui ha le sue contraddizioni. Io non ho bisogno di amarlo. Nè di odiarlo.

Di fatto, secondo me, è stato utile al movimento democratico. Forse anche nonostante alcune sue “uscite” e alcuni pesanti silenzi. La questione del signoraggio su tutte. Auriti (anche amico suo) muore, e lui non dice nulla. Mi ha fatto male vederlo. Perchè?
Ma non riesco ad avere certezze su di lui. Nè negative, nè positive. Mi dispiace per tutti gli amici di qua e di là.
La cosa certa è che nelle sue mani ora c’è un potere importante. Vorrà lavorare per rendersi inutile? O cadrà vittima di sè stesso? O di altri? Lo è già?
Grillo ha detto: liste civiche. Sappiamo bene che solo questo non basta. E lo sa anche lui. Per questo ha scritto che farà sapere quali sono i requisiti che esse dovranno avere.
Per me, per noi democratici diretti che lavoriamo per le liste civiche in democrazia diretta e partecipata, sono chiari.

Su tutti:
La sovranità sulle liste deve appartenere a tutti i cittadini che sostengono le liste stesse.
In altre parole Le liste devono praticare la democrazia diretta innanzi tutto al loro interno. Il che significa che ogni cittadino che sostiene queste liste deve limpidamente poter praticare (prima, e dopo le elezioni) :

-il diritto all’autocandidatura
-il diritto alla scelta dei candidati (primarie)
-il diritto di proposta e decisione sui programmi
-il diritto a determinare in modo vincolato il voto del rappresentante eletto
-il diritto a determinare le proposte e l’attività istituzionale del rappresentante eletto
-il diritto alla revocabilità di tutti gli incarichi nella organizzaizone della lista e del rappresenatnte stesso

Il modo che preferisco per descrivere i dettagli implementativi di questi principi è quello della Lista Partecipata. Ma non è l’unico. La lista che già esiste e vive a castrocaro realizza questi principi in modo un pò diverso, ma la sostanza è quella. Altri stanno costruendo liste con regole simili. Questo nessuno potrà cambiarlo.
E’ l’unica strada. Per altro incerta come ogni nuova strada. Il resto è dejà-vu. Naturalmente i maiali della fattoria sono in pieno fermento. Grillo può rendergli il compito più facile o più difficile. Per questo aspetto.

 Posted by at 21:52
Lug 312007
 

Il partito democratico lancia le primarie…

democratiche, aperte, c’è spazio per tutti…

c’è spazio per fare cosa?

Non c’è alcuno spazio per la democrazia vera. E’ l’ennesima cosmesi di uno strumento che serve solo a rinvigorire la casta. Al più a creare qualche nuovo oligarca. La democrazia è un altra cosa.

 Posted by at 01:13
Lug 292007
 

Eccomi qua!
Anch’io alla fine ho ceduto.
Ho il mio blog.

Chissà perchè ho sempre avuto una sorta di ritrosia a farmene uno.
E dire che l’informatica mi piace. Smanetto da sempre. Ho messo su siti e blog per altri. Ma mai per me, personalmente. Pudore? Timore di rimanere invischiato nella blogmania? Perfezionismo che mi lasciava insoddisfatto di qualsiasi ipotesi per un mio blog? Forse tutte e tre le cose, e forse altro ancora. Certo arrivo tra gli ultimi. E alla fine tra mille proposte di “template” ne ho preso due o tre più o meno a caso: semplici, senza fronzoli e senza modifiche particolari.
I blog sono diventati un fenomeno di massa. Se non hai un blog non sei nessuno. Se il tuo blog non è frequentato, sei out.
Chissene.

Mi ricorda un pò la situazione del cellulari. A un certo punto ce l’avevano tutti. Io no. Eppure amo la tecnologia. Però sono stato tra gli ultimi a comprarmelo. Persino dopo mia moglie. All’inizio dell’epoca dei telefonini odiavo l’ostentazione da status symbol. Poi odiavo l’omologazione. Mi piaceva la faccia che facevano quelli che conoscendo la mia mania per la tecnologia si stupivano e dicevano: come? TU non hai il telefonino?… no, rispondevo sornione… Ma era una altra forma di vanità. E alla fine il telefonino poteva essere utile, ma…Avevo paura. Paura di non poterne poi più fare a meno. E infatti…
Oggi se esco da casa dimenticando il telefonino, ritorno a prendermelo. Come dimenticassi il portafogli.

Qualcosa di simile mi è successa con il blog.
Maneggio computer e smanetto e “gioco” con la telematica fin dalla loro nascita (e parlo dei tempi in cui l’informatica la si faceva su schede perforate e la “rete” era da nascere e si smanettava con lgi accoppiatori acustici a 1200 baud). Ho fatto e gestito siti per associazioni e singoli. Blog compresi. Eppure non ho mai avuto un mio blog.
Anche qui lo stesso trend: prima blog come status symbol, poi come indispensabile biglietto da visita, con l’aggiunta della gara a chi è più visto.

Un blog, per me è solo (o dovrebbe essere e spero che per me sarà così) un posto dove esprimere le mie idee e opinioni. Io ho semnpre fatto questo in altre “sedi”. Essenzialmente forum e mailing list. O, da un pò, i blog degli altri.

Però ora sento il bisogno di avere un posto dove mettere ordine tra tutto quello che ho scritto e ritrovarlo, nonchè averlo in rete in modo da renderlo facilmente accessibile tutte le volte che mi serve.

E poi occupandomi di politica, di democrazia diretta, sento il bisogno di avere un luogo senza censure né etero né auto indotte.

Sì perchè internet sarà forse “anarchica” (definizione che comunque io non userei così facilemente) ma di sicuro non è democratica. In realtà internet è feudale.

Anche là dove si pontifica di, e si magnifica la, democrazia, i luoghi dove questa può realmente essere praticata su internet si contano credo sulle dita di una mano.

Così, inevitabilmente, anch’io ho bisogno del mio feudo personale.

 Posted by at 12:04
Apr 042007
 

In una recente intervista al corriere della sera il Ministro Vannino Chiti illustra la sua proposta sulla legge elettorale. Infatti pare raccolga ampi consensi tra la maggioranza e possibilismi nelle fila dell’opposizione. Miracolo?
Tra le dichiarazioni di Chiti spicca quella secondo la quale il referendum sarebbe uno strumento inadeguato.
Cosa intende il ministro? Intende dire che il risultato del referendum potrebbe non piacere? O si intende dire tout-court che il popolo non si deve impicciare? Continue reading »

 Posted by at 10:47
 

Please log in to vote

You need to log in to vote. If you already had an account, you may log in here

Alternatively, if you do not have an account yet you can create one here.