Lug 292007
 

Eccomi qua!
Anch’io alla fine ho ceduto.
Ho il mio blog.

Chissà perchè ho sempre avuto una sorta di ritrosia a farmene uno.
E dire che l’informatica mi piace. Smanetto da sempre. Ho messo su siti e blog per altri. Ma mai per me, personalmente. Pudore? Timore di rimanere invischiato nella blogmania? Perfezionismo che mi lasciava insoddisfatto di qualsiasi ipotesi per un mio blog? Forse tutte e tre le cose, e forse altro ancora. Certo arrivo tra gli ultimi. E alla fine tra mille proposte di “template” ne ho preso due o tre più o meno a caso: semplici, senza fronzoli e senza modifiche particolari.
I blog sono diventati un fenomeno di massa. Se non hai un blog non sei nessuno. Se il tuo blog non è frequentato, sei out.
Chissene.

Mi ricorda un pò la situazione del cellulari. A un certo punto ce l’avevano tutti. Io no. Eppure amo la tecnologia. Però sono stato tra gli ultimi a comprarmelo. Persino dopo mia moglie. All’inizio dell’epoca dei telefonini odiavo l’ostentazione da status symbol. Poi odiavo l’omologazione. Mi piaceva la faccia che facevano quelli che conoscendo la mia mania per la tecnologia si stupivano e dicevano: come? TU non hai il telefonino?… no, rispondevo sornione… Ma era una altra forma di vanità. E alla fine il telefonino poteva essere utile, ma…Avevo paura. Paura di non poterne poi più fare a meno. E infatti…
Oggi se esco da casa dimenticando il telefonino, ritorno a prendermelo. Come dimenticassi il portafogli.

Qualcosa di simile mi è successa con il blog.
Maneggio computer e smanetto e “gioco” con la telematica fin dalla loro nascita (e parlo dei tempi in cui l’informatica la si faceva su schede perforate e la “rete” era da nascere e si smanettava con lgi accoppiatori acustici a 1200 baud). Ho fatto e gestito siti per associazioni e singoli. Blog compresi. Eppure non ho mai avuto un mio blog.
Anche qui lo stesso trend: prima blog come status symbol, poi come indispensabile biglietto da visita, con l’aggiunta della gara a chi è più visto.

Un blog, per me è solo (o dovrebbe essere e spero che per me sarà così) un posto dove esprimere le mie idee e opinioni. Io ho semnpre fatto questo in altre “sedi”. Essenzialmente forum e mailing list. O, da un pò, i blog degli altri.

Però ora sento il bisogno di avere un posto dove mettere ordine tra tutto quello che ho scritto e ritrovarlo, nonchè averlo in rete in modo da renderlo facilmente accessibile tutte le volte che mi serve.

E poi occupandomi di politica, di democrazia diretta, sento il bisogno di avere un luogo senza censure né etero né auto indotte.

Sì perchè internet sarà forse “anarchica” (definizione che comunque io non userei così facilemente) ma di sicuro non è democratica. In realtà internet è feudale.

Anche là dove si pontifica di, e si magnifica la, democrazia, i luoghi dove questa può realmente essere praticata su internet si contano credo sulle dita di una mano.

Così, inevitabilmente, anch’io ho bisogno del mio feudo personale.

 Posted by at 12:04

 Leave a Reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

(required)

(required)

 

Please log in to vote

You need to log in to vote. If you already had an account, you may log in here

Alternatively, if you do not have an account yet you can create one here.