Giu 072014
 

La democrazia diretta è solo un metodo. È il metodo con cui occorre fare le cose. Ma il punto è che non abbiamo il diritto di decidere. Quindi dobbiamo conquistarci il potere, la sovranità sulle cose comuni più importanti. E la prima cosa da fare è riprenderci la sovranità monetaria. Da gestire con il metodo della democrazia diretta.

Fatemi sognare:
1. sovranità monetaria. Istituzione della Banca Centrale di Garanzia delle cambiali sociali.
Soci: tutti i cittadini di nazionalità italiana.

2. sovranità politica. Istituzione della Camera Unica dei Deputati  all’ attività legislativa.
Membri: tutti i cittadini di nazionalità italiana in grado di esercitare il potere di voto, proposta, parola, attuazione, verifica (deliberativo, propositivo, di espressione, esecutivo, controllo) con uno qualsiasi degli strumenti che saranno utilizzati.

3. tutte le sovranità che si esercitano sui beni comuni e che sostengono la vita
Membri: (io oso dire) tutti gli esseri viventi nel territorio italiano, in grado di esercitare il potere di voto, proposta, parola, attuazione, verifica (deliberativo, propositivo, di espressione, esecutivo, controllo) con uno qualsiasi degli strumenti che saranno ritenuti validi dalla Camera dei Deputati e validamente utilizzati.

4. sovranità territoriale (in finale ma non ultimo). Il federalismo territoriale, o meglio l’identificazione del territorio di esercizio della propria sovranità è sottoposto a referendum tra tutti gli abitanti di quel territorio. Il territorio può essere arbitrariamente definito (a meno di certe astratte caratteristiche topologiche).
Il referendum ha per oggetto il “recupero della sovranità territorile per il territorio denominato: xxxxxx ” con il disconoscimento della Camera dei Deputati del territorio che contiene la eventuale nuova entità territoriale.
Oppure ha per oggetto “Cessione di Sovranità a favore del terriotorio denominato: yyyyyy ” con il riconoscimento” della Camera dei Deputati del territorio che conterrà la vecchia identità territoriale.

 Posted by at 02:10
Feb 232013
 

L’ottimo Byoblu, pubblica un post di Fabrizio Li Vigni di analisi critica delle critiche fatte al M5S; chi vuole se lo legga pure tutto qui.

A me colpisce soprattutto la “quarta” critica che riporto in coda integralmente perché è un bel campionario di sofismi.

Cosa dice l’autore in questa difesa critica di Grillo, che di ‘critica’ ha solo la riproposizione del termine per una dozzina di volte. Esaminiamolo bene.

L’autore fa riferimento al caso Tavolazzi e Favia introducendolo con un “SE”. “Se si riferisce al caso Tavolazzi….ecc” Poi dimentica di descrivere le altre possibilità nel caso non ci si riferisca a quel “SE”.. No, caro Fabrizio Li Vigni, non ci si riferisce al solo caso Tavolazzi & c. E dove stanno, quindi, le altre tue risposte? Non ci stanno. Su questo la analisi “critica” si riduce al SOLO caso Tavolazzi & c.
Invece, tra le altre cose:
– Ci si riferisce anche alle numerose cancellazioni in più occasioni nel tempo dei risultati delle prima sbandierate opportunità per i grillini di definire gli obbiettivi politici via web e poi invece, appunto, cancellate d’imperio da Grillo-Casaleggio. Firenze, Milano ecc. insegnano.
– Ci si riferisce al fatto che anche la regola del non presentarsi in tv, come altre, è stata definita solo da lui e quindi comunicata al volgo.
– Ci si riferisce a tutto il NON-statuto chè stato definito solo da lui, e nessuno sa come e, soprattutto, se questo statuto possa essere modificato. Anzi si sa. Solo lui può modificarlo.
– Ci si riferisce al fatto che il simbolo del Movimento appartiene solo a Grillo-Casaleggio e i membri non hanno alcun potere decisionale circa il suo uso o non uso.
-Ci si riferisce al fatto che anche nel caso dell’espulsione di Tavolazzi & c. solo lui ha deciso questo e nessuna consultazione c’è stata tra i membri del M5S.

Il massimo dello strabismo si raggiunge quando scrive che “Da che mondo è mondo, poi, la democrazia non è l’anarchia, ma è lo stabilimento (collegiale o meno) di una serie di regole.”

Ma che dici?
Allora non avrebbe alcuna importanza che TIPO di regole stabilisci??
Questo non è strabismo: è cecità.
Se la regola fosse: “art.1 Il capo ha ragione. art.2 Il capo ha sempre ragione. art.3: Nel lontano caso in cui il capo non avesse ragione entrano in vigore immediatamente l’art. 1 e l’art.2”. Ti sembra che questa sarebbe una regola democratica? QUALI REGOLE costruisci ha MOLTA importanza.
In democrazia la PRIMA regola è che la sovranità appartiene al popolo. Solo in questo caso si può parlare di democrazia e di “uno vale uno”. Ti sembra questo il caso di Grillo-Casaleggio-M5S???

Poi ammette: “Si può contestare certo che quelle regole siano state scelte da due sole persone, ma vien da dire: primo, senza un progenitore non c’è un figlio;”
Ma che graziosa metafora degna del miglior De Lapalisse. Il punto è: che tipo di genitore sei e che tipo di figlio vuoi! Un genitore che vuole un figlio democratico non lavora per costruire una specie di dittatura. Ma costruisce regole che permettano la vita della democrazia, non il suo soffocamento.
E’ vero. SE non c’è democrazia non la puoi costruire con un metodo che sia pienamente e formalmente democratico. E’ ovvio. Se inizialmente non hai democrazia devi basarti su qualcos’altro.
Ma non sarebbe stato meglio usare un metodo comunque collegiale? Anzi, inizialmente, ERA così! Poi solo il leader (illuminato?) ha deciso.
E tuttavia un leader che lavora per la democrazia diretta, non lavora per rendersi padrone unico e indispensabile, ma lavora piuttosto per rendersi inutile. E’ questo, che soprattutto mi preoccupa.

E infine scrive: “secondo, a chi non sta bene che il M5S sia stato creato da Grillo e Casaleggio, non rimane che crearsi il proprio movimento o semplicemente non partecipare a questo.”
No, caro Li Vigni. Non è quello che non sta bene.
Intanto non è vero che sia stato creato da loro. Anzi prima, Grillo ripeteva all’infinito che il movimento era stato creato dai cittadini. Con lui come riferimento, ma non da lui. All’inizio ogni meetup era creato, da singoli cittadini che, a proprio pagamento aprivano uno spazio ‘fan’ di beppe grillo. E non è che un fan club appartiene all’oggetto del fanatismo. Lui era il leader carismatico. Vero, senza di lui non ci sarebbe stato. Ma non l’ha creato lui.
Lui (con Casaleggio) ha piano piano trasformato il ruolo di leader carismatico nel ruolo di padre padrone del movimento. Poi, certo, se a uno non piaceva poteva sempre andarsene.
Questa sarebbe l’opzione democratica: o accetti i dikat o puoi sempre andartene. Fantastico. Meno male, grazie che posso.
E infatti io me ne sono andato (già nel lontano 2009). Ma, a casa mia, in un movimento dove “uno vale uno”, se c’è qualcosa che non mi piace, prima posso discuterne, proporre soluzioni diverse, votare e poi, se la maggioranza decide in maniera per me proprio inaccettabile, allora me ne vado.
Dove sta questo nel M5S??

——————–

Estratto dall’articolo in questione:

Quarta critica: il M5S è gestito da Grillo e Casaleggio e la tanto sbandierata democrazia dell’“uno vale uno” non è reale.

Se ci si riferisce al caso di Giovanni Favia e Valentino Tavolazzi, bisogna riflettere su un’ovvietà che in pochissimi hanno rilevato. Se io mi iscrivo a un movimento, un gruppo o un’associazione, diciamo Greenpeace, ne sottoscrivo lo statuto. Quest’ultimo contiene delle regole. Se non le rispetto, o vengo trovato ad appiccare fuoco alle foreste, vengo espulso. È una questione di rispetto nei confronti di coloro che restano: se mi mantenesse dentro, Greenpeace ci perderebbe in termini di credibilità vis-à-vis degli altri membri. Da che mondo è mondo, poi, la democrazia non è l’anarchia, ma è lo stabilimento (collegiale o meno) di una serie di regole. Tavolazzi e Favia volevano estendere il tetto massimo di due legislature posto da Grillo e Casaleggio (infatti Favia, giunto a due legislature, si sta ricandidando per la terza con Rivoluzione Civile). Espellerli perché non condividono questo precetto essenziale non è anti-democratico, significa evitare che il M5S si perverta e diventi qualcosa d’altro. Se i due attivisti “eretici” fossero riusciti nel loro intento, avrei votato altrimenti. secondo, a chi non sta bene che il M5S sia stato creato da Grillo e Casaleggio, non rimane che crearsi il proprio movimento o semplicemente non partecipare a questo.

Feb 142013
 

Mille polemiche hanno segnato l’intervista di Pinzarotti trasmessa da servizio pubblico che sarebbe stata tagliata e montata in modo da farlo apparire incerto e contraddittorio. Io non l’ho vista. Ho visto però il video integrale.
Non voglio buttare fango su nessuno. Voglio ragionare.

In effetti pure dal video integrale io ne ho ricavato l’impressione come se sotto sotto dicesse : “Un conto è la campagna elettorale, un conto è poi la gestione concreta dei problemi”. Però il punto non è nemmeno questo.
Il punto è che la linea politica del M5S mostra qui proprio la sua maggiore fragilità, per la mancanza di coraggio nel proporre le soluzioni reali, che metterebbero in crisi l’assetto del sistema e si mantiene invece all’interno del solito schema dei “vincoli” che, appunto alla fine non si vuole mettere in discussione. E si capisce quindi perché alla fine della fiera “Grillo” sembra essere una pedina del solito “gioco delle parti”. Non funziona più destra-sinistra? Perchè troppi hanno ormai capito e allora ecco il gioco “politica-antipolitica”. Ma il livello di potere reale, delle banche, della finanza e della sovranità monetaria non viene messo in discussione.

Cosa dice Pinzarotti? Dice che certi interventi si possono fare solo se hai le leve a livello nazionale. (E fa l’esempio della rinuncia agli F35 per recuperare risorse).
Pinzarotti sposta a un livello superiore la soluzione. Ma se occupasse un poltrona a livello nazionale, allora dovrebbe dire le stesse cose visto che anche  lì esistono vincoli che vanno “oltre”.

Ma allora mi chiedo se ha capito qual’è il ruolo del signoraggio monetario delle banche centrali, se ha capito che non ci sono soluzioni positive per il popolo se non lo si mette in discussione. Ma la sovranità monetaria non sta nelle loro teste e nel loro programma.

Proprio tre giorni fa Grillo in un comizio a Lecce, ha detto che il M5S vuole la sovranità monetaria. Peccato che non ce ne sia menzione nei 20 punti del loro programma. Casaleggio deve avergli detto che c’è una quota di protesta che si dirige altrove proprio su questo punto. E voilà, che ci vuole, presto detto. Come in ogni partito-persona il capo si sveglia, ha una pensata, e via eccola che diventa linea politica per tutti. Allora lo dica anche a Pinzarotti, magari si accorgerà che i suoi discorsi sui vincoli potrebbero essere superati. E sì, perchè se fosse nel suo orizzonte potrebbe superare i vincoli, anche quello della moneta che pure sembra un vincolo, appunto internazionale.

Se si capisce il problema, si può trovare una soluzione anche a livello locale. Noi, di RETE DEI CITTADINI, questa soluzione la chiamiamo cambiale sociale. E’ uno strumento monetario, ma legalmente valido, utilizzabile anche all’interno degli attuali trattati e vincoli. Può essere emesso dal portatore, garantito dall’ente locale. Si può usare da subito e dargli valore indotto, cominciando col consentire di pagare le tasse locali con quello strumento, e quindi utilizzare anche per pagare almeno parte delle spese del bilancio locale, inducendone quindi l’uso anche per gli altri scambi di beni e ridare fiato agli scambi e all’economia in genere, almeno in parte svincolandola dal debito usuraio dei cravattari internazionali che occupano la BCE.

Feb 032013
 

Diario elettorale. 03.02.13.

Finalmente ho due secondi per scrivere sul mio diario elettorale. Comincio a non stare più appresso a tutte le cose. Il 31 ho fatto una intervista con Radio Globo. Al pomeriggio intervista con un blogger a me quasi sconosciuto, ma che si rivela quasi un fratello, che gestisce financialpolis. Quello di Radio Globo mi ha fatto belle domande, bel ritmo, veloce ma non strozzante. L’ultima domanda: “Quali canzoni hanno segnato la sua vita?” (o qualcosa del genere). Ho risposto: quelle che possono dire qualcosa di me potrebbero essere: Psycho Killer dei Talking Heads (era una cover che facevamo col mio gruppo quando -bei tempi- suonavo), La libertà di Gaber, e Oceano di silenzio di Battiato.
Ecco, vorrei spegnere tutto e ascoltarla. Anzi, ora lo faccio.
Stacco quasi tutto, anche se non posso rinunciare al telefono. Sembra che lo sappiano. Passo ore a rispondere.

Sabato e domenica finalmente riesco a stare un pò coi miei figli. Anche se con un occhio al pc e un orecchio al cellulare. Però va bene così solo che il grande ha male all’orecchio. Va avanti così da una settimana, anche se sabato sta un po meglio e va a scuola.
La domenica pomeriggio li riaccompagno dalla mamma. E il pomeriggio è dedicato al… look.
Ci sono state un po di discussioni interessanti su questo. On line e di gruppo. Cravatta si cravatta no. Cosa siamo, cosa vogliamo comunicare, a chi. Siamo piccoli ma vogliamo diventare grandi e sappiamo che esistono regole nella comunicazione che bisogna saper usare anche e specie nei media ingessati. Rompere i clichè senza sembrare inaffidabili, rappresentare il cambiamento vero che è non solo distruzione, ma nuova costruzione, mostrare la nostra capacità di essere diversi e uniti, la demcorazia non è omologazione ma è rispetto degli altri e delle regole…e via così. Comunque sia l’intelligenza collettiva è al lavoro. E io sento che stasera è una delle ultime sere tranquille prima della tempesta . Domani lunedi, radio popolare e Telesole, più il solito turbinio di email, telefonate, ecc.

 Posted by at 22:45
 

Please log in to vote

You need to log in to vote. If you already had an account, you may log in here

Alternatively, if you do not have an account yet you can create one here.