Ago 042006
 

In questi giorni di post-indulto, abbiamo osservato i patetici tentativi di difesa di quei parlamentari del centrosinistra che hanno votato a favore. Almeno di quelli dotati ancora di un minimo di senso del pudore, di fronte alle migliaia di proteste suscitate tra le fila di chi li ha eletti.

Innumerevoli le arrampicate sugli specchi. La necessità di alleggerire la condizione carceraria (e che c’entrava la concussione e la corruzione?). L’alto valore morale del perdono (ma che il parlamento è una succursale della chiesa?). Fino al più prosaico “ormai se lo aspettavano e altrimenti nelle carceri scoppiava la rivoluzione”. Ma la più comune difesa era che < l’articolo 67 della costituzione sancisce che ogni parlamentare rappresenta la nazione ed esercita le sue funzioni senza vincolo di mandato>.

Due considerazioni.
La prima è che questa “libertà” di azione, questo “libero arbitrio” non giustifica proprio nulla. Non ci vuole un arca di scienza per capirlo. Il fatto che uno sia libero di fare una cosa non giustifica certo qualsiasi cosa uno faccia. Se questi sono i ragionamenti di cui sono capaci, prossimamente ci aspettiamo di vedere i parlamentari del centro sinistra votare per l’abolizione della legge sull’aborto, l’introduzione della pena di morte, l’abolizione del diritto di parola, e l’invasione della svizzera. E noi zitti e mosca.

La seconda è che questa interpretazione dell’art.67 è, a nostro modesto parere, semplicemente sbagliata. Quell’articolo è stato definito per difendere i rappresentanti dalle ingerenze e dalle pressioni indebite delle lobby di potere e delle segreterie di partito. Quest’ultime, tra l’altro non si sono sentite minimamente condizionate da quell’articolo. Anzi, hanno pesantissimamente richiamato i “propri” parlamentari alla disciplina di partito (tra l’altro curiosamente utilizzata come ulteriore giustificazione da altri votanti “forzati” e contriti).

Quell’articolo ricorda invece che il parlamentare “rappresenta la nazione” e per questo e in forza di questo principio egli non è soggetto ad altri vincoli. Spetta alla sensibilità di ciascun parlamentare interpretare la volontà della nazione. Ma avete visto voi qualcuno di loro (tranne poche e lodevoli eccezioni) curarsi dei segnali che la nazione inviava? Almeno di quella parte di nazione che li aveva eletti?

L’interpretazione corrente, purtroppo, è quella che una volta eletto il parlamentare risponde solo alla propria coscienza. Ai propri elettori ne risponde solo al momento delle successive elezioni. Ammesso che si ripresentino, quindi. E ammesso che prima passino il giudizio ben più importante delle segreterie dei partiti che sole hanno il potere di ripresentarli o meno. A chi credete quindi risponderanno le “coscienze” dei parlamentari?

Inoltre quell’articolo appartiene alla seconda parte della costituzione. Quella relativa all’ordinamento della repubblica, per sua natura più legata alle contingenze storiche e, non a caso, è quella che maggiormente si presta è si è prestata a modifiche. Nessuno si è mai sognato di proporre cambiamenti alla porzione relativa ai PRINCIPI FONDAMENTALI, la quale è stata collocata addirittura prima della prima parte (sui diritti e doveri dei cittadini). In un certo senso i principi fondamentali, sono collocati al di sopra di tutta la costituzione. Sono sovraordinati. Informano la costituzione. Non avrebbe senso un articolazione della costituzione che contravvenisse ai suoi principi fondamentali.

Ecco. Ricordino, i miseri “rappresentanti” di cui sopra, che l’articolo 1, dicasi numero UNO, dice che : “La sovranità appartiene al popolo, che la esercita nei limiti e nelle forme della Costituzione”. Limiti che stabiliscono dei rappresentanti. Ma se questi rappresentanti rappresentano solo sè stessi e la loro “coscienza”, senza riferimento alcuno alla nazione che li ha eletti, allora essi stanno contravvenendo al primo principio fondamentale della Costituzione stessa e non meritano alcun rispetto per questo.

In definitiva, quell’articolo, anzi, quella interpretazione di totale arbitrarietà del comportamento del parlamentare, (il potere è mio e decido io per cosa usarlo) è doppiamente falsa: perchè non sono svincolati dal rappresentare la nazione e perchè svincolarsi dal dovere di rappresentare la nazione li rende succubi d i un gruppo ristretto di cittadini (quando non un solo cittadino) oggi incarnati nelle segreterie dei partiti.

Questo fa di loro dei principi feudali, che devono rispetto al re-partito e che rende noi solo sudditi senza voce in capitolo e privi anche del diritto di essere ascoltati. E la sovranità del popolo è perduta.

Articolo pubblicato su democraticidiretti.org col titolo: “La sovranità perduta”

 Posted by at 10:59

 Leave a Reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

(required)

(required)

 

Please log in to vote

You need to log in to vote. If you already had an account, you may log in here

Alternatively, if you do not have an account yet you can create one here.